Password: quali sono le più usate del 2021?

182
password più usate

Password: quali sono le più usate del 2021? E le peggiori che non andrebbero mai scelte? Il mondo delle password è piuttosto variegato e spesso non è facile coniugare sicurezza e facilità d’uso.

Una buona password non dovrebbe mai riportare a dati personali come la data di nascita o il nome del proprio cane o dei propri figli (spesso condiviso sui social e quindi visibile a molti, hacker compresi).

Quali sono le password più usate?

Scegliere una buona password è fondamentale per prevenire attacchi informatici e fughe di dati. Spesso però, complici la pigrizia o la mancanza di dimestichezza con le regole del web, si finisce per scegliere password davvero pessime e facili da individuare.

NordPass e la classifica delle parole più scelte

NordPass pubblica ogni anno una ricerca con l’elenco delle prime 200 password più usate a livello mondiale. Per ogni paese (50 quelli presi a campione) fa poi una classifica specifica.

Ecco la classifica delle password più usate in Italia nel 2021. Sono sicura che alcune, grazie alla loro banalità, arriveranno addirittura a sorprendervi. Se in questa classifica trovate una delle vostre password, mi raccomando, correte a cambiarla!

  1. Al primo posto troviamo la banalissima “123456” Ormai alcuni siti impediscono di sceglierla perché troppo facile da identificare ma, nonostante tutto, resta una delle più preferite. E la peggiore, ovviamente!
  2. Al secondo posto la situazione non cambia molto e troviamo la variante “123456789”. Spesso viene dato un numero minimo di caratteri da utilizzare, ecco dunque che basta allungare di qualche cifra la numerazione per risolvere il problema. Gli hacker ringraziano.
  3. Quando bastano 4 cifre che fare? Si sa che è meglio non optare per una data di nascita! Perché allora non ricorrere al classico “12345”?
  4. Le varianti possono essere infinite ma, sicuramente, anche la password “12345678” non denota molta fantasia.
  5. Quinto posto per “qwerty”. Se, scegliendola, credete di aver fatto un grosso sforzo di fantasia sappiate invece che è piuttosto banale. E facilmente identificabile!
  6. In Italia è sicuramente una delle password più scelte. Se tifate per la vecchia signora e amate condividere sui social le vostre trasferte allo stadio, sappiate però, che sarà piuttosto facile per gli hacker pensare alla password “juventus”
  7. Con “000000” risolvete sicuramente il problema memoria ma, altrettanto sicuramente, non vi garantite la sicurezza di cui avete bisogno.
  8. All’ottavo posto della classica delle password troviamo la parola “password” Ironica, divertente ma sicuramente non valida. Ormai ci hanno pensato in troppi ed ha lo stesso valore della battuta che lo zio ripete ogni anno a Natale dal lontano ’83
  9. Nono posto per il nome “andrea” che, a quanto pare, viene scelto da molte persone.
  10. La meravigliosa città partenopea è nel cuore di molti italiani e la password “napoli” si aggiudica la decima posizione.

Seguono poi “francesco”, “111111”, “1234567”, “cambiami”, “giuseppe”, “alessandro”, “antonio”, “ciaociao” o “amoremio”.

Dare la priorità alla sicurezza

Insomma, a quanto pare gli amanti del web non spiccano per fantasia! E’ anche vero che oggi, scegliere una parola adeguata, può diventare un’impresa! Spesso lo si deve fare piuttosto di fretta e, su due piedi, diviene difficile inventarsi qualcosa di facilmente ricordabile ma che, al tempo stesso, rispetti tutte le caratteristiche richieste.

“Almeno 8 caratteri, una lettera maiuscola, almeno un numero, deve contenere un carattere speciale, se siamo in un mese dispari non deve contenere la lettera R e se siamo in uno pari diventa vietata la A…

Mi raccomando! Tenere sempre conto della congiunzione astrale e non scegliere mai una password di genere femminile quando Uranio è sotto l’influenza del Capricorno!”

Ironia a parte, la sicurezza è davvero fondamentale ed è bene cambiare spesso le password scegliendo parole semplici da ricordare ma non facilmente identificabili dagli hacker. E tu, che password hai scelto? Ah, no, ricorda di non dirla mai a nessuno!