Diventare influencer e guadagnare con Instagram, YouTube e Facebook

475
come diventare influencer e guadagnare con Instagram e YouTube

Come diventare influencer e guadagnare con Instagram, YouTube e Facebook? Spopolano in rete, spesso sono così famosi da essere reclutati anche per presentare trasmissioni televisive o radiofoniche, sono sommersi di regali e vengono pagati per parlare delle loro passioni… Chi non vorrebbe essere come loro?

C’è chi, ancorato alle vecchie tradizioni, ancora non lo considera un lavoro e invece chi, con uno sguardo al futuro, ha capito che si tratta del lavoro 2.0.

Ma cosa è esattamente un Influencer? Cosa fa e, soprattutto, come guadagna un influencer?

Come diventare influencer

I social non sono solo un mezzo di divertimento. Sempre più spesso vengono usati anche come fonte di guadagno. Le piattaforme più usate sono Facebook, Twitter, Youtube, Instagram ed il nuovissimo TikTok. Per riuscire a guadagnare con i social il primo step è capire cosa è esattamente un Influencer e come riuscire a diventarlo.

Un Influencer è una persona che utilizza le piattaforme social riuscendo ad avere un ampio seguito di pubblico. Avendo la capacità di influenzare i comportamenti di acquisto dei consumatori in ragione del proprio carisma e della propria autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse, vengono spesso usati dalle aziende che li utilizzano per vere e proprie campagne pubblicitarie alternative.

Instagram è sicuramente uno dei social più attivi. E’ infatti una delle piattaforme più utilizzate, anche grazie al fatto che ha implementato sempre più funzioni come Stories e IGTV.

Come guadagnare con Instagram, YouTube e Facebook

Il primo, indispensabile, passo per diventare influencer è aprire uno o più profili sulle diverse piattaforme social. Facebook, Instagram, YouTube e TikTok sono le più utilizzate dagli influencer per creare un bacino di follower affezionati da tramutare in guadagni.

Una volta creato il proprio profilo è importante pensare al target di riferimento e creare contenuti interessanti e di qualità. All’inizio vi seguiranno pochissime persone, ma dovrete perseverare e pubblicare con costanza.

Oltre al contenuto è importante anche la forma! Inutile dare consigli utilissimi se le foto sono sgranate, l’audio pessimo ed il video editato in modo approssimativo. Non serve molto per iniziare, ma un piccolo investimento si rende necessario! Le cose fondamentali sono tre:

  • Una buona videocamera
  • Luci adeguate
  • Un buon programma di editing

Via libera alla creatività: dovrete distinguervi e farvi notare sia dai follower che dai brand. Imparate a stare al passo con i tempi, cavalcare le onde dei vari trend, partecipare (o meglio ancora lanciare) diverse Challenge, usare gli hashtag migliori e vedrete i vostri follower crescere in modo esponenziale. Ma dopo quanto tempo si inizia a guadagnare con i social?

Come guadagnare con Instagram e YouTube

Solitamente le aziende più grandi contattano gli influencer che già hanno un nutrito seguito (dai centomila follower in su). Ma ci sono anche aziende nuove ed in crescita che spesso preferiscono puntare su canali di qualità e molto settoriali anche se piccoli. Ricordate sempre che lo scopo non è solo essere visti, ma generare acquisti!

Se il vostro canale è bello ed inizia a farsi notare attirerete sicuramente l’attenzione di alcuni brand.

1 Una delle collaborazioni più semplici e basilari consiste nelle collaborazioni con le aziende. Funziona in modo piuttosto semplice: l’azienda che vuole investire in pubblicità sui social stila una PR list e contatta l’influencer e gli propone l’invio per prova di determinati prodotti.

Non c’è un pagamento ma solo la donazione del prodotto. A questo punto l’influencer può decidere se parlarne bene o meno. Non ha obblighi nei confronti di nessuno, addirittura potrebbe non parlarne affatto.

2 Oltre alla collaborazione base ci sono, però, altri metodi per guadagnare con Instagram e YouTube. Uno di questi metodi è l’utilizzo di:

  • link affiliati, L’influencer nel suo post o nel suo video inserisce link all’acquisto del prodotto che sponsorizza. E’ un metodo molto utile per le aziende che vogliono monitorare gli influencer e capire quanto effettivamente il loro lavoro si traduce in acquisti.
  • codici sconto, L’influencer ha un codice sconto univoco (spesso lo riconosci perché contiene il nome dell’influencer stesso). L’utente che acquista con quel codice riceve uno sconto e l’azienda gira all’influencer la percentuale scontata.

3 C’è poi la collaborazione retribuita vera e propria. L’agenzia concorda con l’influencer un pacchetto pubblicitario che può essere formato da post su Instagram e Facebook, Stories o video su YoyTube. La promozione può essere:

  • Dedicata, ossia si nomina esclusivamente il prodotto del brand da pubblicizzare,
  • Mention, ossia quando si inserisce il prodotto all’interno di un elenco che paragona e include diversi prodotti.

Il guadagno dipende ovviamente dalla notorietà e dal numero di follower influenzabile, oltre che dalla disponibilità economica dall’azienda. I grandi brand americani investono molto di più in pubblicità.

4 L’ultima opzione riguarda eventi e viaggi sponsorizzati. L’azienda che vuole pubblicizzare il proprio prodotto può decidere di inviare noti influencer ad eventi o viaggi. Anche in questo caso ci si può limitare all’offrire la partecipazione a titolo gratuito o dietro compenso vero e proprio.

Quando c’è una collaborazione pagata, l’influencer ha l’obbligo di dichiararlo?

L’AgCom, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, intervenne con un’azione ben specifica di moral suasion raccomandando agli influncer l’uso di hashtag specifici (#ad e #adv) per rendere più chiara e trasparente la partecipazione ad attività sponsorizzate e di influencer marketing.

Dichiarare una collaborazione non fa perdere credibilità, anzi! La trasparenza ripaga sempre e gli utenti preferiscono una collaborazione ammessa rispetto ad una che è comunque palese anche se non dichiarata.

Monetizzare i video su YouTube

E’ anche possibile guadagnare con YouTube ed è più semplice di quanto credi. Una volta ottenuto un pubblico sufficiente diventa indispensabile stabilire una partnership. Se sei agli inizi conviene sicuramente qualcosa di basilare come Google Adsence. AdSense è uno strumento semplice e gratuito per generare entrate pubblicando annunci sul tuo sito web.

Inoltre, cosa piuttosto importante, gli annunci inseriti nei tuoi video saranno scelti in modo da essere adatti ai tuoi contenuti o al tuo pubblico. Insomma, non troverete mai pubblicità di Fast food in un canale a tema Fitness e sana alimentazione.

Sarai tu a decidere quante inserzioni pubblicitarie inserire nel tuo video. A questo punto potrai monetizzare. Come? In base a complessi algoritmi che tengono conto di molti fattori come ad esempio quante persone aprono l’inserzione, la guardano fino alla fine, navigano sul sito… Insomma, uno youtuber guadagna a seconda di quanto la pubblicità inserita nei suoi video è efficace.

Ora hai capito come diventare Influencer, ricordati che può diventare un lavoro vero e proprio se lo si sa fare in modo metodico e preciso.

Per diventare un’influencer professionista dovrai aprire una Partita IVA e lavorerai come free lance.