Gadget aziendali: fanno bene ai clienti, ma anche ai dipendenti

650
Gadget aziendali

Le piccole, medie e grandi imprese, a prescindere dal settore di appartenenza, sanno bene che per avere un successo continuativo devono offrire molto di più di prodotti e servizi. Il proprio piano d’azione non può mai lasciare da parte la promozione, lo scambio diretto con collaboratori e soprattutto clienti. In particolare per fidelizzare i consumatori e attirare nuove persone è importante affidarsi a un valido strumento di marketing. Mai sentito parlare di gadget aziendali personalizzati? Ne parleremo di seguito in questo approfondimento per capire l’importanza di questo investimento per un’azienda.

Stupire i clienti con i gadget personalizzati

Molto spesso gli imprenditori dimenticano che i gadget aziendali sono il miglior modo per creare rapporti duraturi con i consumatori. Dietro a questo investimento vi è chiaramente un ritorno rappresentato dalla fidelizzazione dei clienti che diventano il perno centrale per diffondere il brand attraverso questi accessori. Il merchandising ha il vantaggio di far conoscere un’azienda attraverso le persone che ricevono il regalo, con possibilità di aumentare così la redditività. In particolare possiamo considerare questi gadget come:

  • La chiave per creare consapevolezza del marchio;
  • Un mezzo per veicolare l’immagine del brand raggiungendo un ampio potenziale sul mercato, soprattutto se vengono consegnati anche durante eventi o fiere;
  • L’aiuto per aumentare vendite e ricavi.

Ma il vantaggio chiama in causa anche i dipendenti, in che modo?

Un dipendente soddisfatto rende sempre al massimo

Non dimentichiamo poi che se consideriamo anche i regali aziendali destinati ai dipendenti il vantaggio è potenziato ulteriormente. Da un lato infatti si lavora per la soddisfazione del cliente e dall’altro per appagare i dipendenti che continueranno così a svolgere il proprio operato con massima attenzione e passione. Consapevoli che il loro sforzo sarà premiato. Per comprendere al meglio questo concetto è opportuno fare un esempio pratico, chiamando in causa un colosso mondiale come Google.

Per incoraggiare lo smartworking dei suoi dipendenti qualche mese fa, Google aveva deciso di inviare ad alcuni collaboratori che lavoravano nell’ufficio di Tel Aviv un pacco speciale. Al suo interno si trovavano dei regali aziendali personalizzati: penne, adesivi, lettera motivazionale e una calamita. E tutto ciò che cos’ha prodotto? Molti dipendenti hanno raccontato la loro esperienza sui social network e tra “mi piace” e retweet è migliorata soprattutto l’immagine di Big G. L’azienda è infatti stata descritta positivamente per l’attenzione mostrata nei confronti dei suoi lavoratori.

Motivare i dipendenti mentre si attirano i clienti

Non bisogna mai dimenticare che con il giusto utilizzo del merchandising aziendale si possono sfruttare tantissimi benefici che colpiscono più attività e settori. Prima di tutto si mette luce sulla professionalità di un marchio e sulla sua buona gestione. Al tempo stesso si lavora sulla pubblicità indiretta, mostrando anche quali sono i valori in cui crede l’azienda.

E visto che si parla di valori è giusto introdurre un’ultima riflessione: in questo periodo storico è importante per un’azienda dimostrare anche il suo impegno sociale, sostenendo cause delicate. Tra tutte non possiamo non menzionare l’ecosostenibilità. Ecco perché oltre a proporre chiavette USB, penne, ombrelli e agende, può essere interessante anche affidarsi a oggetti realizzati con materiali riciclati. Perché è vero che la modernità e la tecnologia vanno sempre per la maggiore, ma offrire prodotti riciclati mostrerà la grande attenzione rivolta al rispetto ambientale. E questo è, ora più che mai, un aspetto che molti consumatori valutano attentamente in fase di scelta e di acquisto.